Il laser salva le corde vocali


La prevenzione e la diagnosi precoce sono senza dubbio le armi migliori per contrastare tempestivamente e radicalmente il tumore. Infatti, se questo viene scoperto nella sua fase iniziale, le possibilità di guarigione sono elevate e minori i disagi di tipo fisico e psicologico conseguenti alle terapie che il paziente dovrà affrontare.
A conferma di questo fondamentale concetto, una ricerca effettuata dell’équipe di Chirugia Cervico-Facciale dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano ha dimostrato che il tumore iniziale della laringe, in molti casi, può essere asportato completamente con un unico intervento chirurgico, che è nel contempo diagnostico e terapeutico.
In altre parole la biopsia di una lesione della corda vocale, se eseguita con la tecnica messa a punto dai chirurghi dello Ieo, può guarire il paziente evitando nella maggioranza dei casi ulteriori terapie.
E questo con notevoli vantaggi per il paziente, a partire da un decorso operatorio brevissimo, da modesti disturbi correlati all’intervento e soprattutto dalla possibilità di non doversi sottoporre ai cicli di radioterapia esterna. Ma attenzione: questo tipo di intervento può essere effettuato solo se il tumore alla laringe è in fase iniziale; in presenza di una neoplasia avanzata non è possibile intervenire in modo conservativo ottenendo gli stessi risultati oncologici.
In pratica, il chirurgo, eseguendo la biopsia, asporta gli strati superficiali delle corde vocali togliendo, in questo modo, anche il tumore. Se l’esame istologico del tessuto prelevato darà conferma della completa asportazione della lesione tumorale, il paziente non necessiterà di ulteriori interventi chirurgici, né della radioterapia.
«La corda vocale ha tanti strati, proprio come una cipolla – spiega Fausto Chiesa, direttore della Divisione di Chirurgia Cervico-Facciale dello Ieo – noi abbiamo pensato di togliere completamente con il laser gli strati più superficiali: una quantità di tessuto assolutamente sufficiente sia per un’analisi bioptica completa sia, con ragionevole sicurezza, per la rimozione dell’eventuale tumore al suo stadio iniziale. Il tessuto prelevato viene orientato come se fosse una carta geografica: in questo modo l’esame istologico ci permette di avere la diagnosi, ma anche di sapere se la neoplasia è stata completamente asportata e dove eventualmente deve essere ulteriormente rimossa. Questa tecnica, che impegna il paziente in un breve ricovero di due o tre giorni, ci consente di risparmiare circa l’85 percento dei trattamenti radioterapici ritenuti indispensabili dopo la tradizionale biopsia “in ordine sparso”, con le stesse probabilità di guarigione e spesso in un’unica seduta operatoria.
Lo strato superficiale della corda vocale si riforma spontaneamente in quindici/venti giorni, senza ulteriori effetti collaterali. Il paziente, dunque, non affronta un intervento diagnostico più invasivo di quello standard e, in più, evita di doversi sottoporre ai cicli di radioterapia esterna, con gli inevitabili disagi di tipo fisico, psicologico e anche logistico che ne conseguono. Non dimentichiamo, inoltre, che non tutti i malati hanno facilmente accesso a un centro di radioterapia vicino a casa loro, e che un trattamento radioterapico dura circa sei settimane, coinvolgendo non solo il paziente, ma anche i familiari che lo accompagnano e lo assistono durante il trattamento. Inoltre la radioterapia, come tutte le cure, ha una serie di effetti collaterali (irritazioni, arrossamenti, secchezza alla gola) non sempre facili da sopportare».
Con i metodi tradizionali, invece, il chirurgo esegue la biopsia prelevando una serie di piccoli campioni cellulari dalla corda vocale con un criterio chiamato random, ossia in ordine sparso. In caso di positività per una lesione tumorale il paziente deve ritornare in sala operatoria per l’intervento vero e proprio, ovvero essere sottoposto a radioterapia perché la tecnica di prelievo “in ordine sparso” non garantisce la certezza di avere completamente asportato la neoplasia.
I ricercatori dello Ieo si sono resi conto che in molti casi (circa un quarto dei pazienti sottoposti alla biopsia “in ordine sparso”) la lesione viene asportata interamente già con questi prelievi bioptici. Hanno quindi pensato di migliorare le potenzialità della biopsia asportando completamente con il laser, sotto il controllo del microscopio operatorio, gli strati ammalati della corda vocale, così da poter superare i limiti della metodica “in ordine sparso” e far coincidere nella maggior parte dei casi la procedura diagnostica con quella terapeutica.
«La chirurgia oncologica cervico-facciale – aggiunge il dottor Fausto Chiesa – in questi ultimi anni è notevolmente cambiata rispetto al passato: nelle neoplasie laringee iniziali grazie all’utilizzo delle tecniche mini-invasive permesse dal laser, possiamo guarire molti pazienti, garantendo una discreta qualità della voce, con interventi eseguiti attraverso la bocca e non dall’esterno. Nelle neoplasie avanzate, invece, si è passati da interventi eroici, demolitivi e mutilanti (quelli per tumori del cavo orale venivano addirittura chiamati Commando), a interventi funzionali. Siamo oggi in grado di restituire una buona funzionalità (deglutizione, fonazione) anche ai pazienti trattati con questi interventi demolitivi, grazie all’introduzione di nuove tecniche ricostruttive, quali i lembi rivascolarizzati. Si tratta cioè del trapianto di tessuti sani dello stesso paziente prelevati da altri organi: per esempio si utilizzano i muscoli della coscia per costruire la muscolatura linguale asportata per un tumore».
Chirurgia con il laser
Il laser è un raggio di luce capace di incidere i tessuti grazie all’enorme energia termica che si libera nell’impatto. La tecnica laser per il tumore della laringe non è di per sé nuova; è stata, infatti, introdotta nella pratica clinica già negli anni ’70, dapprima a Boston, negli Stati Uniti, e successivamente in Europa. In Italia le prime applicazioni cliniche risalgono al 1980. La novità degli ultimi anni riguarda però il raggio laser, le cui dimensioni si sono ridotte dal millimetro delle prime apparecchiature al millesimo di millimetro attuale.
Grazie a queste caratteristiche, i laser oggi disponibili consentono di distruggere in modo preciso i tessuti malati, senza danneggiare in alcun modo quelli circostanti. Durante l’intervento si utilizzano inoltre dei coloranti vitali che evidenziano distintamente i margini del tumore, consentendo al chirurgo di intervenire esclusivamente nella zona delimitata, asportando completamente la lesione. «Questa tecnica – spiega Chiesa – non richiede alcuna incisione esterna: il laser viene focalizzato sulla laringe grazie a un sistema ottico molto sofisticato, ed è accoppiato a un raggio guida visibile attraverso il microscopio operatorio. L’intero intervento viene ripreso da una telecamera inserita nel microscopio consentendo all’équipe chirurgica di seguire su un video le fasi dell’intervento. Il vantaggio del trattamento laser è di poter operare in un campo operatorio senza la fuoriuscita di sangue, in quanto i vasi sanguigni e linfatici vengono sigillati dal raggio laser; inoltre il decorso successivo agli interventi con laser presenta in genere poche complicazioni, la ripresa funzionale è rapida e modesto il dolore post operatorio».
Il laser
Diagnosticare la neoplasia in una fase precoce per poterla curare in modo assolutamente poco invasivo, con il laser, è senza dubbio l’obiettivo principale dei medici.
Quali vantaggi offre il laser nei tumori della corda vocale?
La chirurgia laser permette di asportare il tumore senza incidere la cute esternamente. Attraverso un laringoscopio il chirurgo accede dall’interno alla laringe. Il laser, abbinato a un microscopio operatorio, è uno strumento che taglia i tessuti e contemporaneamente coagula i piccoli vasi sanguigni (non c’è perdita ematica). L’intervento può durare da circa mezz’ora a diverse ore, a seconda delle caratteristiche e dimensioni delle lesioni da asportare e della conformazione del paziente e richiede un’anestesia totale.
Il decorso operatorio è brevissimo: il giorno dopo l’intervento il paziente può essere dimesso e può già parlare e mangiare tranquillamente. Attenzione, però, questo tipo di intervento non può essere fatto in tutti i casi di cancro alla laringe, ma solo se il tumore è in una fase molto iniziale, per questo è importante la diagnosi precoce.
La terapia con il laser si può fare in tutti gli ospedali?
«Il laser – spiega il dottor Chiesa – è disponibile in molti ospedali. Ovviamente è indispensabile un’adeguata padronanza della tecnica per ottenere risultati ottimali.
Gli istituti oncologici italiani hanno una particolare competenza in queste patologie, ma anche molti ospedali e cliniche universitarie hanno acquisito la necessaria competenza oncologica. In particolare a Milano, l’Istituto Nazionale dei Tumori ha una riconosciuta competenza nel trattamento delle patologie otorinolaringoiatriche e maxillo-facciali, mentre l’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) è centro di riferimento internazionale per i tumori alla laringe, alla tiroide e al cavo orale e orofaringeo».
La laringoscopia
Si tratta di un esame che permette di vedere le condizioni della laringe e delle corde vocali e di individuare eventuali lesioni anche di piccole dimensioni. Oggi, per eseguire la laringoscopia, si utilizzano le fibre ottiche, sonde di pochi millimetri di diametro che vengono inserite attraverso il naso. «Con questo sistema – commenta Chiesa – è possibile osservare nei particolari la laringe e filmare l’esame: questa metodica aiuta a formulare una diagnosi corretta. L’esame non è particolarmente fastidioso e solo in pochi casi richiede la somministrazione di gocce anestetiche locali».
La Prevenzione è fondamentale
«La prevenzione – ricorda Chiesa – rimane il caposaldo della lotta contro ogni forma tumorale. In particolare per la laringe, organo che vede un’incidenza di tumori in costante crescita, esistono fattori di rischio che possono e devono essere evitati: in primis il fumo, per le sostanze nocive contenute nelle sigarette; l’eccessivo consumo di alcolici favorisce lo sviluppo di questi tumori perché scioglie le sostanze cancerogene (liposolubili) liberate dal fumo di sigarette, sigari e pipa favorendone il contatto prolungato con le mucose del cavo orale, faringe e laringe”.
I numeri
Ogni anno vengono segnalati circa 5.500 nuovi casi di cancro della laringe, dei quali: 5.000 circa nel sesso maschile; in Veneto e in Venezia Giulia si verificano circa 18 casi all’anno ogni 100.000 uomini; in Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Toscana l’incidenza è superiore a 10 casi annui; in Sicilia si registrano 4,9 casi all’anno di tumore della laringe ogni 100.000 uomini.
La percentuale di guarigione è abbastanza elevata: 60 percento dei casi totali. Se ci si riferisce però a tumori individuati e trattati nella fase precoce, la possibilità di guarigione supera il 90 percento.

Attenzione ai segnali di allarme
I tumori iniziali della laringe in genere danno sintomi modesti, spesso trascurati. L’organizzazione mondiale della sanità raccomanda di segnalare al medico curante ogni disturbo che non si risolva spontaneamente nel giro di quindici/venti giorni. In particolare attenzione ai seguenti sintomi, soprattutto se persistenti e con tendenza ad aggravarsi:

  • mal di gola che non guarisce;
  • dolore alla deglutizione;
  • cambiamento della voce o raucedine;
  • dolore localizzato all’orecchio;
  • tumefazione sul collo.

La voce della laringe
La laringe è un organo dell’apparato respiratorio a forma di condotto, lungo circa 12 centimetri, situato nel collo, collegato verso l’alto con la parte inferiore della lingua, all’indietro con la faringe e l’esofago, in basso con la trachea. Ha una struttura cartilaginea e nel suo interno ospita le corde vocali, due muscoli a forma di nastro, ricoperti da mucosa, che sono responsabili della fonazione.
La parte superiore della laringe è formata dall’epiglottide, una piccola cartilagine che durante la deglutizione si reclina a proteggere le corde vocali, formando una specie di scivolo che fa confluire il cibo nell’esofago, evitando che finisca nella trachea, cioè impedendo che “vada di traverso”.
È il punto d’origine delle vie aeree inferiori.
«In pratica – spiega il dottor Chiesa – è una valvola che regola tre attività fondamentali per una vita normale: la fonazione (le corde vocali vibrano al passaggio dell’aria e producono un suono utilizzato per parlare), la deglutizione (la funzione di scivolo dell’epiglottide indirizza nella giusta via i cibi e le bevande) e la respirazione (quando le corde vocali sono divaricate l’aria passa dalla bocca e dal naso raggiungendo i polmoni)». I tumori della laringe originano, nella maggior parte dei casi, dalla mucosa (epitelio) che riveste l’interno del canale: il più comune è il carcinoma a cellule squamose.

Le parole del dottor Chiesa sul fumo
«Il fumo è gravemente dannoso alla salute: questo avviso che compare su ogni pacchetto di sigarette rispecchia sinteticamente quanto i ricercatori hanno da tempo evidenziato. Si calcola infatti che circa il 75 percento delle malattie gravi siano oggi direttamente o indirettamente correlate con il fumo: dalle malattie cardio-vascolari, a quelle polmonari, ai tumori».
Il dottor Chiesa si è laureato in medicina nel 1969 all’Università di Milano e successivamente si è specializzato in chirurgia generale, oncologia e otorinolaringologia e patologia cervico-facciale. Dal 1994 dirige la Divisione di Chirurgia Cervico-facciale dell’Istituto Europeo di Oncologia a Milano. In precedenza è stato Assistente e Vice-direttore della Divisione di Oncologia chirurgica cervico-facciale all’Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei tumori di Milano. Il dottor Chiesa è professore a contratto presso la scuola di specializzazione in otorinolaringoiatria dell’Università di Pavia. Fa parte del Comitato Scientifico della Scuola Italiana Laser. È direttore del periodico IEO Oncologia Europea e di Acta Otorhinolaryngologica Italica, la rivista ufficiale della Società Italiana di Otorinolarigologia; fa inoltre parte del comitato editoriale della rivista Oral Diseases. I suoi principali interessi clinici riguardano la patologia tiroidea e la chirurgia conservativa orale e laringea. Il dottor Chiesa fa parte di diverse società scientifiche italiane ed estere (SIC, SIO, AOOI, ESSO, BOCCS) ed è autore di oltre 200 pubblicazioni su argomenti di oncologia tiroidea e cervico-facciale. La sua attività di ricerca riguarda la diagnosi precoce e la chemioprevenzione delle neoplasie orali, la conservazione della funzione nell’oncologia cervico-facciale e le neoplasie tiroidee.

Dottor Fausto Giuseppe Chiesa
Direttore Divisione di Chirurgia Cervico-Facciale
Tel. 02.57489.490 – Fax 02.57489.491

Indirizzi utili
Esistono diverse associazioni di malati operati alla laringe che forniscono informazioni relative alla malattia e che organizzano corsi di riabilitazione dopo l’intervento. Tutte aderiscono alla Confederazione Europea Laringectomizzati (CEL).

Associazione Italiana Laringectomizzati (AIL)
Via Friuli 28, Milano
Tel. 02.5510819

Associazione Laringectomizzati della Regione Friuli Venezia Giulia
c/o Ospedale Santa Maria degli Angeli – Divisione ORL
Via Montereale 24, Pordenone
Tel. 0434.3991

Associazione Regionale Veneta Mutilati della Voce (ARVMV)
Via Santa Maria della Rocca Maggiore 13, Verona
Tel. 045.8032828

Unione Italiana Mutilati della Voce
Via L. Serra 2/E, Bologna
Tel. 051.357952

http://www.cancer.gov/cancerinfo/pdq/treatment/laryngeal/patient/
database oncologico del National Cancer Institute, chiamato PDQ, sui tumori laringei

http://www.cancer.gov/cancerinfo/pdq/treatment/oropharyngeal/patient/
database oncologico del NCI, chiamato PDQ, sui tumori dell’orofaringe

http://www.cancer.gov/cancerinfo/wyntk/larynx
Pagine del NCI dedicate alla diagnosi, alla stadiazione e alla terapia dei tumori della laring

Il laser salva le corde vocaliultima modifica: 2009-07-05T11:46:00+02:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Il laser salva le corde vocali

  1. a causa di incidente stradale nel 1985 ho avuto una ricostruzione esofago faringo di urgenza.ancora oggi ho grossi problemi nella voce chiedo se sia possibile avere un contatto per poi consultare da vicino. distinti saluti.

  2. Vedi il problema nostro e che mancano corde vocali e la soluzione e parlare con lo stomaco stile ventriloquo non so nel tuo caso essendo l’esofago e la faringe ricostruita se abbia le stesse proprietà di passaggio di aria per parlare di prima.
    Forse lo hai già fatto ti consiglio visita logopedista.
    Saluti Giovanni

    • Vi sono delle possibilita’ di poter acquistare la voce dopo un intervento con laser per asportare un tumore ad una corda vocale L’intervento e’ stato eseguito dove attualmente risiedo Ospedale generale di Tampa USA circa due anni fa, purtroppo fino ad oggi devo sforzarmi per fare uscire la voce ,Ringrazio se gentilmente dare dei consigli o trattamenti teraupedici potranno aiutareDistinti saluti Filippo Gandolfo Il mio e-mail e’ il segente: filimari @aol.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.