Malato di Sla in tribunale contro i farmaci salva vita

Malato di Sla in Tribunale contro i farmaci salva-vita
L’uomo nel 2008 aveva già registrato in video le sue volontà. Ora il giudice avrà 60 giorni per pronunciarsi

Treviso, 5 ago. (TMNews) – Paolo Ravasin, da sette anni inchiodato a letto a causa della Sla, ha preso esempio dalla concittadina 48enne che ha chiesto un provvedimento del giudice per vedere rispettate le sue volontà: poter ottenere un decreto del giudice per rifiutare idratazione e alimentazione artificiale, in caso di peggioramento della sue condizioni cliniche.

Secondo Il Gazzettino, anche Ravasin, balzato alle cronache nel 2008 quando registrò le sue volontà attraverso un video, ha chiesto ai legali di poter ottenere un provvedimento che nomini il fratello amministratore di sostegno per far valere le sue ultime volontà. Il ricorso è stato portato nella segreteria del Tribunale di Treviso per iniziare l’iter legale.

Ora il giudice civile avrà sessanta giorni di tempo per aprire l’istruttoria mentre per la sentenza non c’è un limite preciso. Anche in questo caso, come in quello della donna di Treviso testimone di Geova, la lotta sarà contro il tempo. Se nel frattempo dovesse passare la legge sul testamento biologico, l’eventuale decreto perderebbe forza e significato subordinando le volontà di Ravasin al medico curante.

In ogni, caso la famiglia di Ravasin ha promesso che non mollerà e anzi, in caso di bisogno, si rivolgerà alla Corte Costituzionale.

Bnz/cer

Malato di Sla in tribunale contro i farmaci salva vitaultima modifica: 2011-08-07T06:57:16+02:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.