Estrogeni, come difendersi Come combatterne gli effetti collaterali: la parola all’eco dottore

estrogeni
CHIEDI ALL’ESPERTO

Enrico PadianiL’ ECO DOTTORE

Enrico Pandiani

IL CASO

seno maschiEstrogeni negli alimenti e crescono le tette anche ai maschi

Le sostanze chimiche contenute all’interno dei cibi producono evidenti trasformazioni fisiche negli esseri umani, tra cui l’aumento del seno negli uomini.

VAI AL BLOG

eco dottore mondoLeggi il blog dell’eco dottore

Rimedi e soluzioni per un benessere naturale

Gli estrogeni sono fra gli ormoni più conosciuti. Sono di 25 tipi diversi, ma la stima non è probabilmente molto veritiera dato che le sostanze che li contengono sono molto numerose.

Ogni giorno siamo esposti a centinaia di molecolesimil- estrogeno e, per sopravvivere, il nostro corpo cerca di adattarsi, accumulando ciò che non riesce ad eliminare causando seri problemi alla salute. 

Gli estrogeni più importanti sono tre: estrone,estradiolo ed estriolo. Ognuno di essi svolge funzioni diverse all’interno del corpo. L’estradiolo è il responsabile della stimolazione del tessuto mammario il che, potenzialmente, provoca l’insorgenza di tumori al seno. Al contrario, l’estriolo inibisce l’insorgenza di tumore al seno.

Altri effetti poco desiderabili sono il cancro uterinoe alla cistifellea. Le cure ormonali (HRT) a base di estradiolo aumentano la probabilità di sviluppare il cancro al seno. Questo perché la forma sintetica non viene eliminata velocemente come quella naturale, rimanendo in circolo più a lungo e quindi prolungando la risposta cellulare alla sua presenza.

Molti sono i benefici che si imputano invece agliestrogeni “naturali” fra cui la prevenzione delle scalmane, miglioramento della memoria e della concentrazione, il rallentamento del invecchiamento e la riduzione di ansietà e depressione.

Il sintomo più comune di problemi a livello di estrogeni viene dalla ritenzione idrica. Questa solitamente causa dolore al seno e ingrandimento dello stesso, l’aumento di pesomal di testacostanti. Inoltre, gli estrogeni possono diminuire la concentrazione di glucosio all’interno del sangue e quindi causare un aumento del desiderio di dolci e carboidrati.

Un falso mito di cui godono queste sostanze è che, in qualche modo, rafforzino le ossa, ma la credenza è assolutamente lontana dalla realtà. Al contrario, provocano una diminuzione del normale riciclo dell’osso che dovrebbe occorrere naturalmente.

Ma allora perché si parla tanto di questi estrogeni?

Primo, gli estrogeni e le molecole sintetiche che mimano la loro azione hanno invaso il mercato e si trovano in qualsiasi contenitore possieda anche una minima percentuale di gomma arabica o plastica. Questo ha aumentato il carico da estrogeni sul nostro corpo cosa che 50 anni fa non si sapeva nemmeno cosa fosse, portando all’insorgenza di malattie considerate rare.

Secondo, gli estrogeni sono prodotti dalle ghiandole surrenali, il sistema di emergenza del nostro corpo. Ogni volta che siamo sotto stress la produzione delle surrenali si concentra sull’aumento dei livelli di cortisolo inibendo la produzione di estrogeno, testosterone, progesterone e aldosterone. 
La nostra società è più che stressata e quindi il business dei medicinali anti-stress è enorme. Ecco allora che i sintomi potranno migliorare se sono collegati alla diminuzione di estrogeni – quando questi vengono somministrati – ma il problema non verrà realmente risolto.

Capire come mediare con lo stress, avere una dieta equilibratabilanciare il sistema muscolo-scheletrico sono le uniche scelte possibili per combattere gli effetti indesiderati di questi ormoni.

In ultimo, l’unico modo per eliminare gli estrogeni ed estrogeno-simili in eccesso è attraverso un fegatoin salute. Aumentare la velocità delle vie di detossicazione e sostenere il fegato stesso con gli appropriati nutrienti sono le cose base da cui partire per ripulire l’organismo.

Enrico Pandiani

Estrogeni, come difendersi Come combatterne gli effetti collaterali: la parola all’eco dottoreultima modifica: 2011-02-13T08:51:57+01:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.