Pieni gli alberghi a Tunisi, per le vacanze estive, a volte un temporale non ci faceva uscire.

Pieni gli alberghi a Tunisi, per le vacanze estive, a volte un temporale non ci faceva uscire.

Negli anni 70 ci guardavano dall’alto al basso chi andava in ferie in posti da ricchi in Italia,posti dal nome che sembravano città straniere ma poi anche noi cittadini semplici ce l’abbiamo fatta ad andare a Natale a Courmayeur,Saint Vincent per citarne due.
Così si sono inventate negli anni 80 le ferie nelle grandi capitali Europee e magari se gli chiedevi dove si trovava non dico la foce di un fiume o i loro emissari ma una città te la mettevano in un altra regione distante anche centinaia di km dalla loro sede naturale.
Negli anni 90 invece si va alle vacanze fuori dal proprio continente con relativi filmini e fotografie che sono state torture per chi l’ha fatto con relativi finti sorrisi e pose che dovevano essere presi a sorpresa e di chi al ritorno doveva sorbirli con tanto di dettagli fino al colore della carta igienica di tal hotel o residence.
Oggi invece si usa fare cooperazione possibilmente anzi necessariamente all’estero è in paesi dove vige una guerra di religione o no.
Grazie anche a guerre che vanno dalla vicina Libia fino all’Egitto o in piena Africa si ha una vasta gamma di scelta se poi rischi il rapimento e ci riesci a farti rapire torni col viaggio pagato dallo stato con tante personalità al tuo arrivo anche se ciò è costato dicono 12 milioni di € per fare felice due famiglie per il ritorno delle proprie figlie.
Mentre 240 famiglie,a cui sarebbero state utili 50mila euro a famiglia,avrebbero risolto il problema di parte o tutto il mutuo restante per non finire in mezzo alla strada dopo anni di sacrificio per avere un tetto sulla testa e non gravare sullo stato.
Mentre 1200 famiglie,10mila euro a famiglia,vedrebbero con più calma il periodo che fa dal licenziamento non per colpa propria, fino al ritorno nel mondo del lavoro.
Esempi ce ne sono tanti forse come i 12milioni di euro forse spesi per salvare due ragazzine andate in territori di guerra per aiutare bambini che i loro genitori nel maggior parte dei casi prevedono una gabbia con vestiti che coprono tutto il corpo per le donne,e le armi già da piccoli per i maschi…

VERGOGNA,VI DOVETE VERGOGNARE

hqdefaultVERGOGNA,VI DOVETE VERGOGNARE di come avete ridotto l’Italia
voi politici ci avete venduto per riempire la pancia vostra e dei vostri amici di merenda,pranzo,cena quando la maggior parte d’Italia si sta riducendo a non avere da mangiare neanche per uno spuntino.
Mentre “loro” fanno finta di litigare sulla legge elettorale e sulla nomina del Presidente della Repubblica Italiana noi i nuovi “miserabili” lottiamo per andare avanti.
Tutti bravi i lor signori politici in TV a scaricare la colpa uno con l’altro,andando oltre al semplice inciucio per allungarsi la vita e continuare a mangiare a due ganasce e se non bastasse si fanno beccare con le bustarelle in tasca.
Noi semplici cittadini abbiamo una sola entrata,parecchia gente neanche quella,entrata tassata a fine mese,tassata tramite le tasse dirette ed indirette e con i prezzi si che diminuiscono perché non ci sono soldi e le grandi multinazionali si trovano i depositi di merce che non è vero che nessuno vuole ma che nessuno può comperare.
Intanto vediamo la nostra gente piangere in TV perché non ha lavoro,non ha da mangiare o rischia di essere buttata in mezzo alla strada perché non può pagare l’affitto non perché non vuole ma perché si è trovato senza lavoro per la crisi.
Crisi che paghiamo noi perché non mi sembra che abbia influito su chi fa la bella vita sulle nostre spalle e si pavoneggia davanti alle telecamere.

 

VERGOGNA,VI DOVETE VERGOGNARE

 

Spes Ultima Dea

Come cominciare questo mio scritto non lo so,lo ammetto per me è sempre stata una tragedia iniziare e finire uno scritto,fin dai primi temi elementari tanto è vero che venivo chiamato “concludendo” usavo questa parola magica nell’ultimo periodo di ogni mio tema delle elementari.

Normalmente si inizia con parlare,anzi scrivere,dal fatto più importante e poi a scendere o viceversa, ma quando sono uguali gli argomenti?

Iniziamo con la cura Renzi l’uomo del futuro che sta dando il colpo di grazia all’Italia e agli Italiani con l’ultima retrocessione in CCC.

Non bastava un mondiale di calcio penoso ora anche la retrocessione in CCC un altro passo è avrà più valore uno strappo di carta igienica che i BOT o CCT nostrani.

In compenso Renzi è contento diminuiscono i voti ma aumentano le percentuali grazie al gioco dell’astensionismo e mentre con la sua faccia imperterrita di bronzo,il materiale sarebbe un’altra meno nobile ma più consone alla sua faccia,mentre si gusta il suo gelato irride Grillo che torna a fare tournée consigliandogli di non fare politica.

Giusto la politica la lasci ai politici che stanno dando il loro meglio,vedi regioni,province e comuni capitale compresa il lavoro di dare il colpo di grazia all’Italia.

Caro Grillo,Benito Mussolini scrisse “Governare gli italiani non è difficile, è inutile”. 

Ma più passa il tempo e più i lor signori politici con il loro agire confermano invece la tesi Klemens von Metternich che scrisse: “La parola Italia è una espressione geografica, una qualificazione che riguarda la lingua, ma che non ha il valore politico che gli sforzi degli ideologi rivoluzionari tendono ad imprimerle”. 

Tornando a Beppe Grillo le tue idee non erano malvagie,il problema e che poi sono andati a Roma,Senatori e Deputati,scusa Cittadini persone che non erano te e che in certi casi non sapevano neanche dove era il Senato o la Camera e meno che meno i regolamenti di quest’ultima.

Qualcuno mi dirà che è la solita musica che come con Mussolini la colpa non è il capo del movimento ma chi gli sta vicino che partiti per cambiare l’Italia sono stati cambiati loro,ma questo perché non a caso uno dei maggiori fautori dell’Unità d’Italia, Cavour ebbe a dire: “Fatta l’Italia, ora bisogna fare gli italiani!”. Purtroppo mai progetto politico fu più giusto e finora disatteso.

Concludendo,la parola magica,non si potrà mai cambiare il nostro paese se non cambiamo prima noi rendendoci conto che se vogliamo cambiare dobbiamo creare un big bang della politica e ricominciare dall’anno zero sperando che le nuove leve siano meglio delle precedenti.

Perché alla fine la speranza è tradizionalmente definita come “ultima dea” (in lingua latina: Spes Ultima Dea), perché «la speranza è l’ultima a morire»,
 
 

Ma un po di vergogna non la sentite?

Ma un po di vergogna non la sentite?
La mattina quando vi guardate nello specchio per lavarvi la faccia o fare la barba o per imbellettarvi non vi viene mai la voglia di sputarvi in faccia?
Voi,proprio voi che componete la nostra classe politica proprio con voi parlo.
Su Rai 1 pochi minuti fa parlavano di pensionati che per poter vivere,visto l’alto costo della vita,devono andare in Bulgaria,mesi fa leggevo di pensionati fuggiti in Tunisia,si proprio fuggiti è il termine più giusto.
Persone che hanno lavorato una vita intera riempiendo le casse dell’Inps per pagare voi politici per i vostri lauti stipendi,per le vostre diarie e per le vostre pensioni d’oro.
D’oro loro avevano solo la vera del matrimonio e parecchi pensionati l’hanno dovuto vendere o pignorare per sopravvivere.
In compenso facciamo entrare di tutto e tutti,anni addietro coi gommoni oggi con i barconi.
I giovani Italiani hanno seguito l’esempio dei pensionati scappando all’estero dove trovi lavoro anche se non sei figlio del politico del posto o non sei amico degli amici alla faccia della tanta decantata meritocrazia…
Po mi dicono che Renzi non è di sinistra quando vuole togliere la proprietà privata tartassando di tasse,scusatemi la cacofonia,casa e piccole e medie imprese fin quado te le portano via…
Perché alla fine la vita è un gioco e per questo chiudono un occhio sulle evasioni fiscali delle slot machine e cerca lo Stato di spennarci quei pochi euro rimasti dopo le tasse dirette ed indirette con il lotto,il super enalotto e simili e i gratta e vinci dove tu gratti e loro vincono sempre…

image

 

BASTA COL POSTO FISSO !!!

Al partito “basta col posto fisso” si è iscritto a parole anche Matteo Renzi,premier a comando di una coalizione dove i partiti che lo compongono sono contro e a favore di tutto nello stesso momento.
Renzi fa capire che la gente deve imparare a cambiare datore di lavoro e impiego a seconda delle esigenze del paese anche andando a uno scontro di logica delle parole meritocrazia e professionalità.
Perché non è vero che se meriti ti riconfermano scaduto il periodo di contratto a tempo determinato perché chi viene licenziato viene sostituito da un altra persona che porterà forse meno professionalità ma in compenso porta sgravi fiscali e si sa che agli azionisti e ai proprietari di ditte interessa solo il dividendo a fine anno.
Sopratutto abbiamo un sistema bancario che fissa i criteri per erogare un mutuo o anche un prestito molto alti con chi può avere un prestito,i pochi fortunati rimasti a “posto fisso” si devono impegolare con agenzie che intermediano tra loro e la banca..
Mi chiedo se io vado direttamente in banca non mi prestano neanche mille euro ma se pago la commissione a qualche agenzia esterna posso arrivare anche a un mutuo basta avere un posto fisso ed una persona che avvalli il prestito ma di base tutti e due devono avere un posto fisso e magari da almeno 5 anni.
A meno che Renzi o chi per lui vuole un popolo che cambi casa a seconda di dove lavora e quanto prende di stipendio vivendo per sempre in affitto arricchendo i palazzinari che comprano case per lucro e non per avere un tetto ,sulla testa sicuro…
A meno che gli 80 euro date a chi lavora e con uno stipendio mensile inferiore a 1500 euro sono nate per essere usate aggiungendone altre per pagare nuove tasse e tributi…
A meno che gli 80 euro a bebè per i primi tre anni per chi prende meno di 9o mila di euro all’anno sapendo che solo di pannolini si supera gli 80 euro al mese e che le famiglie le spese più grosse le hanno con libri di testo,già dalle medie…
A meno che vuole far passare come aumento di stipendio l’anticipo di parte del tfr mensilmente con tassazione più alta del tfr stesso,mentre è solo un anticipo di soldi che saranno nostri un domani. A tale stregua non posso far passare come aumento di stipendio se a fine mese ti do il doppio del salario per poi non dartene il mese successivo o l’anno dopo…
Nel frattempo manteniamo una classe politica Italiana ed Europea che predica il digiuno mentre loro siedono al tavolo dei commensali mangiando quello che noi ci togliamo dalle nostre bocche e dalle bocche dei nostri figli e nipoti,presenti e futuri.

image