eh già sembrava la fine del mondo

qwereh già
se
mbrava la fine del mondo

ma sono ancora qua
ci vuole abilità
eh, già”

 

29 Gennaio 2008 inizia la mia avventura di laringectomizzato e quest’anno sono già 7 anni come vola il tempo e come canta il buon Vasco “sembrava la fine del mondo ma sono ancora qua”.

 

Anche se tutto inizio a fine settembre 2007 che mi porto il 27 novembre a una laringoscopia all’ospedale di Sesto San Giovanni.

 

Mi ricordo ancora che sembrava essere solo un polipo alle corde vocali operato il 7 gennaio 2008 all’ospedale di Desio dove una degenza post operatoria di 4 giorni ed esami di approfondimento mi prendono un pezzo di carne dalla gola da analizzare.

 

Mi ricordo anche il mio ritorno a casa ancora con la voce bassa e le difficoltà nel deglutire nonostante l’asportazione del polipo alle corde vocali e la chiamata della caposala del reparto di otorino dopo 14 giorni di Desio che mi convocava per la mattina dopo il 22 gennaio per comunicazioni da parte del primario.

 

Ero incosciente o forse pensavo che certe cose capitavano solo agli altri anche se dovevo aspettarmi qualcosa di diverso perché volevo andare da solo ma mia madre e mia zia insistettero per accompagnarmi come se presagivano che non erano buone notizie quelle che mi doveva dare il primario otorino di Desio.

 

Mi ricordo ancora che mi fece entrare nell’ambulatorio del reparto e mi chiese se anche mia madre e mia zia potevano sentire quello che mi doveva dire e mi fece sedere per un altra laringoscopia.

 

Finito l’esame come una molla ero pronto a scattare in piedi ma gentilmente mi blocca e mi dice di stare seduto che doveva darmi una cattiva notizia e che avevo un tumore maligno alle corde vocali,alla tiroide,alla laringe e alle ghiandole della parotide e che doveva agire il prima possibile con un operazione invasiva,con la laringectomia totale.

 

Da quel momento non ricordo più niente di quello che mi ha detto dopo perché il mio corpo non voleva sentire mi stavo comportando come uno struzzo che nascondendo la testa sotto la sabbia non avrebbe visto il pericolo e il non vederlo nel mio caso non sentirlo avrebbe cancellato tutto.

 

Era il 22 gennaio e il giovedì stesso vengo ricoverato per i preesami per uscire il sabato pomeriggio per rientrare la domenica pomeriggio e in quei due giorni ero io che cercavo di tirare su il morale ai miei genitori che ogni volta che incrociavo con loro gli sguardi facevano di tutto per non piangere.

 

Ora sono 7 anni sono tornato a lavorare un ‘anno dopo l’operazione,sono tornato a parlare non come prima ma era ovvio .

 

Ultimamente ho capito che mi sono accettato e il mio orecchio si è abituato alla mia nuova voce e sono tornato quello di una volta con tanta voglia di stupirmi ogni giorno guardando la natura che mi circonda.

 

E siccome ho iniziato con i primi versi della canzone “Eh…già“ di Vasco Rossi non c’è finale migliore che terminando con le strofe finali della stessa canzone

 

Col cuore che batte più forte
la notte ha da passà
al diavolo non si vende
…io sono ancora qua!

 

Eh, già
eh, già
…io sono ancora qua!
Eh, già
eh, già
…io sono ancora qua!
…io sono ancora qua!
Eh, già
eh, già

 

 

eh già sembrava la fine del mondoultima modifica: 2015-01-29T17:17:46+01:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.