Desio 3 Febbraio 2008 IV parte

Tornando a quella domenica,il 3 febbraio 2008 mio padre era venuto a trovarmi e l’avevo aspettato guardando dalla finestra vetrata della mia stanza d’ospedale aspettando che entrava nei parcheggi con la mia macchina e seguirlo con gli occhi fin dove potevo,quasi fino all’entrata dell’ospedale e mentalmente facevo il tragitto fino all’ascensore,compreso la fermata al bar per il caffè,fino all’ascensore gli 8 piani e l’entrata prima in reparto e poi vedevo affacciarsi un ciuffo bianco di mio padre.

La mia operazione sembrava avesse portato più danni a lui che a me e per la prima volta vedevo che portava in faccia segnata dalle rughe la sua età,72 anni.

Mi guardava come un padre guarda un figlio appena nato o un figlio tornato dalla guerra dopo che era stato dato per disperso o peggio ancora morto.

Prese quel quadernone e mi scrisse quelle 4 righe perché facevo fatica a parlare e non ero tanto comprensibile e nella sua testa il mio essere quasi muto l’associava con la sordità,tipo il fido scudiero di Zorro che era sordo muto .

Mi passo il quadernone e iniziai a leggere e man mano che leggevo iniziai a ridere,una risata di cuore e non ridevo così da una vita esattamente dal giorno che ero in un’ambulatoria del reparto otorino con davanti il primario di Desio che mi diagnostico il male alla gola,con quasi svenimento di mia madre e mia zia e io che mi affidavo al dottore che mi ispirava fiducia e professionalità,erano passati neanche 2 settimane da quel 22 gennaio.

Vidi mio padre ringiovanire di colpo vedendomi ridere e capimmo che il peggio era passato e che tutto sarebbe tornato come prima o quasi.

 

Da quel giorno cambio tutto e notai che era vero che “chi la dura la vince” e che non era la prima volta che avevo passato dei momenti duri,anche se quello che stavo passando era la cima più alta delle montagne delle disgrazie subite e che guardarla dalla base non mi sarebbe servito a niente,era giunta l’ora di inforcare la bicicletta e iniziare a scalare questa maledetta montagna perché finita la salita sarebbe iniziata la discesa che non so quanto sarebbe durata ma che il peggio sarebbe svanito alle mie spalle.

Desio 3 Febbraio 2008 I parte
Desio 3 Febbraio 2008 II parte
Desio 3 Febbraio 2008 III parte
Desio 3 Febbraio 2008 IV parte
Desio 3 Febbraio 2008 V parte

Desio 3 Febbraio 2008 IV parteultima modifica: 2013-06-06T14:00:00+02:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.