Verona, denunciati 26 furbetti del pass per disabili

citta consapevoli

Parcheggi: croce e delizia degli automobilisti. Non ci sono mai e quando se ne trova uno vuoto si grida al miracolo. Ebbene, ciò che per molti è una seccatura, il parcheggio appunto, per un disabile è invece sinonimo di autonomia e di libertà. Per questo, “Vuoi il mio posto? Prenditi il mio handicap!”.

Sono sempre meno rari i casi di auto lasciate abusivamente in sosta nelle strisce gialle, quelle che delimitano un parcheggio riservato ai portatori di handicap. Per questo nella provincia di Trieste nasce una campagna di sensibilizzazione, che vuole essere anche una forte provocazione agli automobilisti indisciplinati. Sono stati infatti dati alle stampe 25mila volantini da lasciare sulle automobili di chi si ostina a parcheggiare nei posti riservati. Chi vuole continuare a tutti i costi a utilizzare quelle aree di sosta può tranquillamente scegliere tra uno di questi handicap: amputazione della gamba (con facoltà di scelta tra la destra e la sinistra), ictus, sclerosi multipla, paraplegia e distrofia muscolare. Basta mettere una crocetta…La campagna è stata voluta e realizzata da “Incipit”, agenzia di comunicazione integrata, con l’Anglat Fvg (associazione dedicata al miglioramento delle normative sui trasporti per affermare il diritto alla mobilità per tutti i disabili). Per questa iniziativa l’agenzia triestina ha investito il budget dedicato ai regali natalizi.

“Abbiamo patrocinato e condiviso l’iniziativa promossa da Incipit perché siamo convinti che sia necessario operare una trasformazione culturale nella mentalità di molti cittadini – ha spiegato Marina Guglielmi, assessore provinciale alle Politiche sociali -. Vogliamo contribuire a diffondere una nuova cultura della disabilità, fondata sul riconoscimento della pari dignità e delle pari opportunità per tutti”.

Sul volantino consegnato agli automobilisti indisciplinati è anche scritto: “Ti invitiamo a pensare a come sia difficile per chi ha una disabilità muoversi e raggiungere il luogo in cui deve andare e ti chiediamo di non farlo più. E’ un gesto di civiltà e di buon senso”. I volantini possono essere richiesti dalle associazioni e dai singoli cittadini scrivendo alla mail info@incipitonline.it) e sono anche scaricabili dal sito di Città Consapevole. Questi messaggi possono essere stampati autonomamente da chiunque desideri contribuire alla diffusione di uno spirito più solidale nei confronti dei disabili. Alla campagna hanno collaborato Stella Arti grafiche, Il Piccolo, Zeno, Il Meridiano, Network Cafè e Rvnet.eu.

Ma Incipit non si ferma qui: con l’attivazione del sito “Città Consapevole” vuole creare un contenitore per future campagne sociali, un punto virtuale d’incontro per suggerire idee, segnalare problemi reali del tessuto urbano e dei suoi cittadini.

fonte: SuperAbile (Giorgia Gay)

Verona, denunciati 26 furbetti del pass per disabiliultima modifica: 2012-08-10T10:53:20+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.