Sceglie di partorire prima per permettere al marito morente di abbracciare la figlia

Commozione negli Usa: l’uomo era malato terminale, la moglie gli regala gli ultimi momenti di gioia

L’amore per un uomo può spingere a scelte coraggiose, quasi estreme. Una donna americana incinta ha deciso di dare alla luce la sua bambina con diverse settimane di anticipo per permettere al marito, malato terminale, di poter abbracciare la figlia prima di morire. Ora la bimba, la piccola Savanah Aulger, riposa tranquillamente nella sua culla senza sapere di tutto il dolore che l’ha circondata nei suoi primi di giorni di vita.

Mesi prima, il padre Mark aveva saputo di aver vinto la sua battaglia contro il cancro. Quello che non sapeva è che gli otto mesi di chemioterapia gli avevano distrutto i polmoni, i quali non riuscivano più a inspirare e a trasmettere l’ossigeno al corpo. La diagnosi, a gennaio 2012, era fibrosi polmonare. Gli restavano pochi giorni di vita. Così la moglie Diane, alla quinta gravidanza, ha deciso di partorire due settimane prima, in modo da dare la possibilità a suo marito Mark di vedere la loro bimba almeno una volta.

Doveva essere lui la prima persona ad abbracciare Savanah. Appena è nata, l’ha tenuta in braccio per 45 minuti”, ha detto Diane. Quei momenti con la figlia sono stati però gli unici. Dopo pochi giorni, infatti, Mark è andato in coma. Ed è stata la moglie, ancora in ospedale dopo il parto, ad annunciare agli altri suoi quattro figli che il papà stava morendo.

Mark è morto tenendo in braccio la piccola Savanah. Quando il marito era ancora in coma, Diane si è accorta che il battito cardiaco stava rallentando e che stava smettendo di respirare. Così, ha preso la figlia e l’ha messa tra le braccia di Mark, tenendogli la mano fino al momento in cui è spirato.

fonte

Sceglie di partorire prima per permettere al marito morente di abbracciare la figliaultima modifica: 2012-02-16T10:13:14+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.