2 Gennaio 1968 – Il Dottor Barnard esegue il secondo trapianto di cuore

Storia

I pionieri

La fase sperimentale del trapianto di cuore inizia nel 1905 con Carrel Guthrie, che operò un trapianto cardiaco eterotopico da cane a cane. Nel1960 Lower e Shumway descrivono il primo trapianto cardiaco ortotopico nell’animale. Il primo trapianto di cuore al mondo fu eseguito il 3 dicembre 1967 dal chirurgo sudafricano Christiaan Barnard all’ospedale Groote Schuur di Città del Capo, su Louis Washkansky, di 55 anni, che morì 18 giorni dopo. La donatrice fu una ragazza di 25 anni, Denise Darvall, morta in seguito a un incidente stradale. Il 2 gennaio 1968 lo stesso professor Barnard eseguì il secondo trapianto cardiaco, sul dentista Philip Bleiberg, che visse con il cuore nuovo per 19 mesi. Nel 1968 iniziò il programma clinico a Standford per la ricerca sui trapianti di cuore. Nel 1972 è l’introduzione della biopsia endocardica per la monitorizzazione del rigetto acuto. Il 1975 è l’anno del primo ritrapianto di cuore. Nel 1980 viene introdotta la ciclosporina come farmaco anti-rigetto.

I pionieri italiani

Il primo intervento di trapianto cardiaco in Italia fu eseguito il 14 novembre 1985 a Padova, dall’équipe del professor Vincenzo Gallucci, che lo eseguì con successo sul mestrino Ilario Lazzari (scomparso nel 1992). Il donatore fu un ragazzo di 18 anni. Quattro giorni dopo, il 18 novembre1985, il ventenne Gianmarco Taricco, di Dogliani, in provincia di Cuneo, ottenne un cuore nuovo al Policlinico San Matteo di Pavia. L’intervento fu eseguito dall’équipe del professor Mario Viganò. Il donatore era un ragazzo di 14 anni. Il terzo trapianto fu eseguito a Bergamo, il 23 novembre 1985, dal professor Lucio Parenzan, su Roberto Failoni, 48 anni, di Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo, (scomparso nel 1998). La donatrice era una ragazza di 19 anni. Nello stesso giorno furono eseguiti in Italia altri due trapianti cardiaci: a Udine, dove l’équipe del professor Angelo Meriggi lo eseguì sul quarantottenne Valentino Rigo (scomparso il 7 febbraio 1986) e a Milano, dove il professor Alessandro Pellegrini lo eseguì sul quarantassettenne milanese Luigi Savaris. Nel 1987 è stato eseguito il primo trapianto eterotopico. Nello stesso anno è stato utilizzato per la prima volta un VAD (cuore artificiale) come ponte al trapianto (per una settimana). Nel 1991 sono stati eseguiti il primo trapianto da vivente (progetto Domino) ed il primo trapianto cuore-polmone in Italia. Nel 2001 è stato sperimentato per la prima volta un LVADpermanente in paziente con controindicazioni al trapianto.

I primi trapiantati italiani

La prima italiana con un cuore nuovo fu la romana Patrizia Barbieri. Il trapianto fu eseguito a Londra il 18 ottobre 1984, dall’équipe del chirurgo anglo-egiziano Magdi Jacoub. La prima bambina italiana sulla quale fu eseguito un trapianto di cuore fu, ancora a Londra, il 10 giugno 1985, l’undicenne palermitana Nicoletta Tortorici.

2 Gennaio 1968 – Il Dottor Barnard esegue il secondo trapianto di cuoreultima modifica: 2010-01-02T12:21:00+01:00da weefvvgbggf
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.